Blog Posts

Nebbia

«È stata una liberazione. Ho provato una felicità immensa. Di colpo mi sono liberato da due mali: la fatica provata a realizzare il mio progetto e l’impossibilità dovuta alle cose… Finita l’oggettività, un sentirsi un oggetto fra gli oggetti… mi ritrovavo vivo, capace di emozioni, di reagire…» La citazione è tratta da L’airone di Giorgio Bassani, romanzo ambientato in provincia di Ferrara. Qui siamo invece nella provincia di Modena, a circa 100 km di distanza, forse meno. L’ambiente naturale, lo

Continua a leggere

Storia di un altro

C’erano delle mosche morte sul mio casco da pilota numero 24. Le vedevo da terra. Il maresciallo suonava il campanello. La donna delle pulizie: «Non apre non risponde ho sentito un colpo vi prego!» Il maresciallo entrò in casa. Si sentì il rumore dei tacchi. Doveva avere le scarpe usate ai battesimi, tirate a lucido forse per l’occasione che mi ero sparato. «Dov’è?» La donna delle pulizie sibilò qualcosa. Gli agenti si scagliarono contro la porta. Da dentro, sentii il

Continua a leggere

La vita nascosta

È uscito per Il ramo e la foglia La vita nascosta, di Raffaele Donnarumma, critico letterario alla sua prima esperienza con il romanzo. Si tratta, diciamolo subito, di un esperimento riuscitissimo. Donnarumma si rivela narratore puro, consapevole, di ampio respiro. Sceglie la strada dell’autofiction, del romanzo-saggio che si dipana attraverso le esperienze di R., che racconta in una sorta di diario simil-sveviano le sue peripezie sentimentali e umane. Tuttavia, sin da subito appaiono nitide le intenzioni dell’autore, che pure si

Continua a leggere

Le priorità

Tutto considerato, credo che il collasso dell’universo abbia avuto un certo effetto sulla mia vita. Prima pensavo che avrei dovuto viaggiare parecchio prima di trovare un posto dove fermarmi. Adesso non c’è dubbio che mi troverò un lavoro vicino a casa, intendo sul mio pianeta. Non c’è alternativa, d’altronde. Non sono un fisico come Lily, quindi non mi sono mai tenuto aggiornato sulle teorie scientifiche sul destino finale dell’universo – la morte termica, il big crunch, l’accelerazione infinita, eccetera. E

Continua a leggere

Lo scrittore del futuro

Oggi, quattordici anni fa, ci lasciava David Foster Wallace. Di seguito, l’incipit del romanzo La scopa del sistema. Molte ragazze davvero belle hanno dei piedi davvero brutti, e Mindy Metalman non fa eccezione, pensa Lenore, all’improvviso. Sono piatti e lunghi, con le dita strombate e i mignoli afflitti da bottoni di una callosità giallognola che riappare a mo’ di battiscopa lungo i calcagni, e sul dosso dei piedi sbucano peluzzi neri arricciati, e lo smalto rosso è screpolato e si

Continua a leggere

Site Footer

Sliding Sidebar