Stefania Malerba è nata nel 1996. Ha studiato Lingue moderne, letterature e traduzione. Si interessa di comunicazione, fotografia, cinema e scrittura.

Uno scrittore maiuscolo

Pierre Lemaitre, nato a Parigi nell’aprile 1951, ha insegnato per molti anni letteratura e ora è scrittore e sceneggiatore. Grazie al successo dei suoi romanzi, tutti premiati da critica e pubblico, si è imposto come uno dei grandi nomi della narrativa francese contemporanea, le cui opere sono state tradotte in più di venti lingue.

Per la casa editrice Mondadori ha pubblicato la serie noir del commissario Verhoeven (Irène, Alex, Camille e Rosy & John), nel 2014 Ci rivediamo lassù, vincitore del Premio Goncourt 2013, nel 2016 Tre giorni e una vita, nel 2018 I colori dell’incendio e nel 2020 Lo specchio delle nostre miserie.

Nella collana Scrittori italiani e stranieri, edita da Mondadori, si inserisce il nuovo romanzo dell’autore, Il serpente maiuscolo – titolo dell’opera originale Le serpent majuscule – tradotto da Elena Cappellini.

Si tratta di un romanzo crudo, drammatico e intenso, come può essere la vita, e che l’autore affronta con il distacco di un narratore onnisciente. Lemaitre si situa dentro la materia e non si lascia impressionare dai pensieri oscuri e dai cambiamenti repentini dei propri personaggi, da lui ideati, a immagine di una realtà che spesso sconvolge, stupisce e spaventa.

La narrazione viene fatta precedere da una breve premessa firmata dall’autore stesso, in cui ripercorre brevemente le tappe del suo cammino come scrittore di gialli e noir, citando alcuni titoli del passato e tentando successivamente di offrire al lettore una prospettiva, una chiave di interpretazione dell’opera di cui sta per cominciare la lettura.

A seguito di

Continua a leggere

Non addio, ma ciao per sempre

Da tempo la casa editrice Salani, nota al grande pubblico per la qualità del lavoro nel mercato per ragazzi, ha allargato la sua produzione, raccogliendo successi sia nella saggistica che nella narrativa, internazionale e di genere. In questa linea, di recente è nata la collana Le Stanze, uno spazio di ricerca la cui idea è quella di dare voce a storie originali, fresche e al passo con la contemporaneità.

Ciao per sempre trova posto qui: un romanzo per pubblico adulto, in una collana giovane, che al momento dell’uscita del libro (aprile 2021) contava ancora pochi titoli.

L’autrice è Corinna De Cesare, ha trentotto anni, origini meridionali, esattamente della provincia di Bari ed è una giornalista. Il suo nome è legato soprattutto alla attività svolta sui canali social e alla newsletter femminista thePeriod, fondata nel 2019, con lo scopo di demolire i tabù e di farsi portavoce di un universo femminile, spesso ridotto al silenzio.

Ciao per sempre è il suo romanzo d’esordio, un viaggio a ritroso nel tempo e nelle proprie incertezze, in cui è facile perdersi, ma non si rimane mai soli.

A rispondere ci prova Margherita, la protagonista, insegnante precaria che fatica a trovare la sua strada e giovane donna sui trent’anni, con sogni e ambizioni, ma senza una direzione da seguire.

«Ogni famiglia ha un segreto, piccolo o grande che sia […] Possiamo davvero dire addio a una persona, a un posto che abbiamo amato o che ha fatto parte di noi?»

L’architettura del libro è circolare.

Continua a leggere

Site Footer