Lo scrittore del futuro

Oggi ci lasciava David Foster Wallace, lo scrittore del futuro. Lo ricordiamo con l’incipit del romanzo La scopa del sistema.

Molte ragazze davvero belle hanno dei piedi davvero brutti, e Mindy Metalman non fa eccezione, pensa Lenore, all’improvviso. Sono piatti e lunghi, con le dita strombate e i mignoli afflitti da bottoni di una callosità giallognola che riappare a mo’ di battiscopa lungo i calcagni, e sul dosso dei piedi sbucano peluzzi neri arricciati, e lo smalto rosso è screpolato e si scrosta a boccoli per quant’è vecchio, mostrando qua e là striature bianchicce. Lenore se ne accorge solo perché Mindy si è chinata in avanti sulla sedia accanto al minifrigo per staccare dalle unghie dei piedi appunto un paio di fiocchi di smalto; i lembi dell’accappatoio si dischiudono su un generoso scorcio di scollatura, decisamente più sostanziosa di quella di Lenore, e lo spesso asciugamano bianco che cinge la chioma zuppa e shampizzata di Mindy si è allentato e una ciocca di capelli scuri è sgusciata tra le pieghe e scende leggiadra incorniciandole la guancia fin sul mento.

David Foster Wallace (Ithaca, 21 febbraio 1962 / Claremont, 12 settembre 2008) è stato scrittore e saggista, tra i piú influenti scrittori americani di tutti i tempi. Ha scritto i romanzi La scopa del sistema, Infinite Jest e Il re pallido.

Tracce | Lo scrittore del futuro