30 senza Tondelli

Il 16 dicembre saranno trent’anni senza Pier Vittorio Tondelli. Pubblichiamo un piccolo brano tratto da Biglietti agli amici, edito da Bompiani, per ricordarlo.

Vedere il lato bello, accontentarsi del momento migliore, fidarsi di quest’abbraccio e non chiedere altro perché la sua vita è solo sua e per quanto tu voglia, per quanto ti faccia impazzire non gliela cambierai in tuo favore. Fidarsi del suo abbraccio, della sua pelle contro la tua, questo ti deve essere sufficiente, lo vedrai andare via tante altre volte e poi una volta sarà l’ultima, ma tu dici, stasera, adesso, non è già l’ultima volta? Vedere il lato bello, accontentarsi del momento migliore, fidarsi di quando ti cerca in mezzo alla folla, fidarsi del suo addio, avere più fiducia nel tuo amore che non gli cambierà la vita, ma che non dannerà la tua perché se tu lo ami, e se soffri e se vai fuori di testa questi sono problemi solo tuoi; fidarsi dei suoi baci, della sua pelle quando sta con la tua pelle, l’amore è niente di più, sei tu che confondi l’ amore con la vita.

Pier Vittorio Tondelli (Correggio 14 settembre ’55 / Correggio 16 dicembre ’91) è stato scrittore, saggista, drammaturgo e curatore editoriale. È considerato uno dei maggiori esponenti della letteratura postmoderna italiana. Tra le sue pubblicazioni, i romanzi Altri libertini, Pao pao, Rimini e Camere separate.

Tracce | 30 senza Tondelli